giovedì 18 ottobre 2012

Motu Proprio 'Pulchritudinis fidei' con cui la Pontificia Commissione per i Beni Culturali della Chiesa viene unita al Pontificio Consiglio della Cultura. Firmato il 30 luglio dal Papa, entrerà in vigore il 3 novembre

Dal 3 novembre la Pontificia Commissione per i Beni Culturali della Chiesa viene unita al Pontificio Consiglio della Cultura. "Ecclesiae historiam esse quoque inseparabiliter culturae et artium historiam", "la storia della Chiesa è anche, inseparabilmente, storia della cultura e dell'arte", si legge nel Motu Proprio "Pulchritudinis fidei" con cui la Pontificia Commissione per i Beni Culturali della Chiesa viene unita al Pontificio Consiglio della Cultura. Approvato lo scorso 30 luglio da Benedetto XVI e pubblicato sugli "Acta Apostolicae Sedis" del 3 agosto, il documento pontificio entrerà in vigore il prossimo 3 novembre". “L’unificazione dei due organismi - si legge in un comunicato del Pontificio Consiglio della Cultura, diffuso oggi dalla Sala stampa vaticana - suggella un percorso di convergenza, attuato anche negli ordinamenti di molte nazioni, verso una visione ampia e articolata nella sua organicità e unitarietà, in cui anche lo straordinario patrimonio storico-artistico della Chiesa, prodotto lungo i secoli, con le sue più specifiche esigenze di tutela, conservazione e valorizzazione, riceve una sua più degna collocazione nell’ambito delle attività culturali promosse dalla Santa Sede”. Il Pontificio Consiglio della Cultura venne creato da Giovanni Paolo II il 20 maggio del 1982, e nel 1993 venne fuso con il Pontificio Consiglio per il dialogo con i non credenti. Nello stesso anno Giovanni Paolo II creò la Pontificia Commissione per i beni culturali della Chiesa. La Commissione diventerà quindi un dipartimento all'interno del Pontificio Consiglio per la Cultura? "Sì - risponde il card. Gianfranco Ravasi (nella foto con Benedetto XVI), presidente del dicastero vaticano, in un'intervista L'Osservatore Romano - come Fede e arte, il Cortile dei Gentili o quello appena costituito dedicato allo Sport. Anche l'Unesco, oggi protegge la 'cultura immateriale'; alla base del nuovo concetto di cultura non c'è più l'idea settecentesca di una aristocrazia intellettuale, ma un concetto antropologico, l'elaborazione cosciente di ogni opera della creatività umana; l'arco delle attività non si può selezionare a brani, serve una simbolica d'insieme. Tra le aree di competenza del dipartimento c'è ovviamente anche la collaborazione con la Fondazione per i Beni e le Attività Artistiche della Chiesa".

TMNews, SIR

Motu Proprio "Pulchritudinis fidei"
               
Nota storica sul Motu Proprio "Pulchritudinis fidei"

Intervista con il card. Ravasi sul Motu Proprio "Pulchritudinis fidei": arte e fede devono ricordarsi di essere sorelle
Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001