Consiglio ordinario della Segreteria del Sinodo dei vescovi: un rinnovato dinamismo delle comunità ecclesiali, nuovi linguaggi e nuovi mezzi e soprattutto testimoni credibili perché sia trasmessa la fede alle nuove generazioni nei nuovi contesti sociali

“Il mandato missionario che il Signore rivolge agli apostoli tocca oggi l’impegno della Chiesa nella nuova evangelizzazione, con la quale si rivolge alla comunità umana universale, protagonista di mutamenti costanti nel processo di globalizzazione in un clima culturale e morale di secolarizzazione e agnosticismo. Tale situazione rappresenta anche una sfida e una possibilità per l’annuncio del Vangelo”. È quanto si legge nel comunicato diffuso oggi dalla Segreteria generale del Sinodo dei vescovi, dopo la seconda riunione della stessa che ha avuto luogo il 26 novembre scorso. Nel corso della seduta sono stati considerati i risultati generali del recente Sinodo sulla “nuova evangelizzazione”. Nel testo si sottolinea che “di fronte a tali sfide si richiedono un rinnovato dinamismo delle comunità ecclesiali, nuovi linguaggi e nuovi mezzi e soprattutto testimoni credibili perché sia trasmessa la fede alle nuove generazioni nei nuovi contesti sociali, dove le comunità naturali e tradizionali, quali la famiglia, la parrocchia e la scuola, ritrovano con particolare urgenza il loro proprio impegno educativo alla fede”. I lavori sono stati guidati dal segretario generale, mons. Nikola Eterovic, e vi hanno partecipato una ventina tra cardinali e vescovi di ogni parte del mondo. “La Chiesa fa affidamento su queste cooperazioni - afferma il comunicato - perché la sua missione di evangelizzare trovi rinnovato impulso attraverso l’annuncio, l’iniziazione, la liturgia, la santità di vita”. Nel testo si precisa che “la Chiesa svolge oggi questa opera di novità nell’annuncio attraverso tutti i soggetti responsabili, pastori e fedeli laici. E il Vangelo che annuncia coinvolge tutto l’uomo ed è destinato a ogni uomo: battezzati, credenti allontanatisi dalla pratica ecclesiale della fede, non credenti, indifferenti, credenti di altre confessioni cristiane, credenti di altre confessioni religiose, secondo il mandato del Signore Risorto”. Gli elementi scaturiti dalla discussione nell’ambito della Segreteria generale del Sinodo dei vescovi verranno sottoposti al Papa in vista della “Esortazione postsinodale”, che Benedetto XVI promulgherà nei prossimi mesi. È stata anche fissata la data della prossima riunione del consiglio generale nei giorni 23-24 gennaio 2013.

SIR

COMUNICATO: SECONDA RIUNIONE DEL XIII CONSIGLIO ORDINARIO DELLA SEGRETERIA GENERALE DEL SINODO DEI VESCOVI

Commenti