martedì 4 dicembre 2012

Il canale Twitter di Benedetto XVI raggiunge in un giorno il mezzo milione di followers. Sul social network sono partiti i messaggi di benvenuto, le domande e qualche ironia

A 24 ore dal lancio del nuovo account di Benedetto XVI su Twitter, il Papa ha già raggiunto quota mezzo milione di follower. La versione inglese, quella principale, è seguita da oltre 350 mila utenti, quella italiana, da circa 30 mila. Scrive a matita, suona musica classica, ma Benedetto XVI, 85 anni, ha voluto stare al passo dei tempi sbarcando su Twitter. Il suo account @Pontifex è stato annunciato ufficialmente ieri con lo stato maggiore della comunicazione vaticana. Che la Chiesa sia all'avanguardia da secoli nell'uso dei mezzi di comunicazione, del resto, è un fatto attestato da esempi storici come le pitture di Giotto o la Bibbia in vernacolo di Lutero. E lo stesso Benedetto XVI è sembrato preconizzare la sua attenzione al microblogging del social network più diffuso nel mondo quando, in un recente messaggio per la Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali, ha scritto: "Nella essenzialità di brevi messaggi, spesso non più lunghi di un versetto biblico, si possono esprimere pensieri profondi". Il nuovo account @Pontifex, intanto, scatena, e non poteva essere altrimenti, una ridda di commenti su Twitter. Molti benvenuti, molte ironie, qualche insulto. "Fa proprio ridere #ilpapasutwitter", scrive qualcuno. "Quindi da oggi il Papa non scomunica più. Ti defollowa direttamente", ironizza un altro. "Tornando a casa, troverete i bambini, date un tweet ai vostri bambini e dite: questo è il tweet del Papa", scherza un terzo. Qualcuno pone questioni serie ("E poi il parroco viene a dire : 'Non dovete dare troppa importanza a Facebook , Twitter e Social Networks' e adesso #ilPapaSuTwitter?"). Qualcun altro ne approfitta per polemizzare ("La Chiesa decide di evolversi in quanto a mezzi di comunicazione, ma in quanto a mentalità sia mai, eh"). Tra chi scrive immediatamente per porre domande a Benedetto XVI, domande sulla fede, provocazioni ("Si potrà chiedergli di pagare #Imu senza fare tante manfrine o si offende???"), e, appunto, qualche insulto. Commenta un cattolico aduso al web: "Messaggi e immagini offensive per @Pontifex : il prezzo (salato) della democrazia virtuale".

Ansa, TMNews
Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001