martedì 7 febbraio 2012

Sarah: il Papa ci indica una dimensione profonda, la Chiesa si fa profeta in questo mondo di oggi per denunciare in particolare la mancanza di Dio

“La corruzione, l’accumulo di denaro, la violenza, il vivere indebitamente alle spalle della collettività senza dare il proprio contributo sono dei veri cancri che minano dall’interno una società”. Lo ha detto il card. Robert Sarah, presidente del Pontificio Consiglio "Cor Unum", durante la conferenza stampa di presentazione del Messaggio del Papa per la Quaresima 2012. Sulla scorta di quanto già detto dal Papa, anche nel messaggio di oggi, ha proseguito il cardinale, “non possiamo neppure tacere che alla base della nostra crisi finanziaria c’è l’avidità, la ricerca sfrenata del denaro senza scrupoli e senza considerare chi ha meno e chi deve sopportare le conseguenze delle scelte sbagliate di altri”. “Questo attaccamento al denaro è un peccato”, ha ammonito il presidente del dicastero vaticano, secondo il quale “la Chiesa è profetica quando denuncia questo peccato che fa del male alla persona e alla società”. Anche questo, dunque, “è un aspetto della missione profetica della Chiesa”, che “nel mondo comporta la denuncia sociale di situazioni di ingiustizia e di povertà”. Anche il recente documento post-sinodale “Africae munus”, ha proseguito il cardinale, cita “situazioni di profonda diseguaglianza che provocano gravi sofferenze con drammatiche conseguenze per intere popolazioni”. “La Chiesa non può tacere di fronte al fatto che troppi muoiono per la mancanza del minimo indispensabile mentre altri si arricchiscono sfruttando gli altri”, ha affermato il porporato, ma “sarebbe troppo poco se la dimensione profetica del nostro parlare e agire si limitasse a questi fenomeni esterni, senza andare alle radici morali di queste ingiustizie”. E’ quello che fa il Papa nel suo messaggio, in cui “ci indica una dimensione ancora più profonda: la Chiesa si fa profeta in questo mondo di oggi per denunciare in particolare la mancanza di Dio. Questa è la vera radice delle ingiustizie che ci circondano. Quando l’uomo non riconosce al di sopra di sé un Creatore e Signore – ha spiegato si fa creatore e signore di se stesso e la vita sociale degenera in un individualismo conflittuale e in una lotta contro l’altro. Senza un Dio che ci ispira e ci corregge l’esistenza diventa una lotta per la sopravvivenza, a scapito del più debole”. E’ quello che ha fatto “questa nostra società secolarizzata”, che “è giunta a vivere e a organizzarsi senza tener presente Dio”. Come cristiani, ha affermato il relatore, il nostro “primo compito” è “dire che Dio c’è e che il nostro futuro dipende dal riconoscere questa sovranità di Dio”, senza il quale “il nostro futuro è in balia delle prevaricazioni e degli interessi del più forte”. Rispondendo alle domande dei giornalisti, il card. Sarah ha quindi affermato che la correzione fraterna va applicata non solo a livello individuale, ma anche di nazioni, soprattutto per evitare gravi disastri e situazioni di sofferenza. Dal canto suo, mons. Segundo Tejado Muñoz, sotto-segretario di "Cor Unum", ha informato che sarà presto in visita ad Haiti, dove si sta costruendo una scuola ed un centro parrocchiale con le offerte ricevute dal Papa per l’isola caraibica devastata dal terremoto del gennaio 2010. Nonostante la crisi, ha concluso il cardinale Sarah, le offerte per la carità del Papa non sono diminuite.

SIR, Radio Vaticana

CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DEL MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA QUARESIMA 2012

Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001