Il Papa: preghiera genera uomini animati da gratuità, desiderio di amare, sete di servire, cioè da Dio, solo così si porta luce nel buio del mondo

Udienza generale questa mattina nell’Aula Paolo VI dove il Santo Padre Benedetto XVI ha incontrato gruppi di pellegrini e fedeli giunti dall’Italia e da ogni parte del mondo. Nella catechesi il Papa, continuando la sua riflessione sulla preghiera nelle Lettere di San Paolo, ha incentrato la sua meditazione sul primo capitolo della Lettera agli Efesini, trattando il tema "La benedizione divina per il disegno di Dio Padre" (Ef 1,3-14). “La nostra preghiera molto spesso è richiesta di aiuto nelle necessità e questo è anche normale per noi chiedere a Dio qualcosa”, ha esordito il Pontefice. Infatti “la preghiera che Gesù ci ha insegnato, il Padre nostro, è una preghiera di richiesta, con la quale il Signore dà delle priorità della nostra preghiera: purifica i nostri desideri e così purifica il nostro cuore”. Ma oltre a chiedere ci deve essere anche “il ringraziamento vedendo che da Dio riceviamo tante cose buone”. E poi c’è “la preghiera di lode: se il nostro cuore è aperto nonostante tutti i problemi vediamo la bellezza della creazione”. Solo anche ringraziando e lodando “la preghiera sarà completa”. Nelle sue Lettere, “San Paolo non solo parla della preghiera, ma riporta anche preghiere di lode e di benedizione per quanto Dio ha operato e continua a realizzare nella storia dell’umanità”. In particolare il Papa si è soffermato sul primo capitolo della Lettera agli Efesini, che inizia con un inno di benedizione. L’Apostolo riflette sui “motivi che spingono l’uomo a questa lode”. Anzitutto “dobbiamo benedire Dio Padre” perché “ci ha chiamati all’esistenza, alla santità. E questa scelta precede persino la creazione del mondo. Da sempre siamo nel suo disegno, nel suo pensiero”. “La vocazione alla santità, cioè alla comunione con Dio appartiene al disegno eterno di Dio, un disegno che si estende nella storia e comprende tutti gli uomini e le donne del mondo, perché è una chiamata universale. Dio non esclude nessuno, il suo progetto è solo di amore”. Egli “ci ha eletti ad essere ‘figli adottivi, mediante Gesù Cristo’”. L’Apostolo sottolinea “la gratuità di questo meraviglioso disegno di Dio sull’umanità. Dio ci sceglie non perché siamo buoni noi, ma è buono Lui”. Al centro della preghiera di benedizione, San Paolo illustra il modo in cui si realizza il piano di salvezza del Padre “in Cristo, nel suo Figlio amato”. “Il sacrificio della croce di Cristo – ha chiarito il Papa - è l’evento unico e irripetibile con cui il Padre ha mostrato in modo luminoso il suo amore per noi, non soltanto a parole, ma in modo concreto, entrando nella nostra umanità, percorrendo il cammino di sofferenza della passione e subendo la morte più crudele”. Così “concreto è l’amore di Dio che partecipa non solo al nostro essere, ma al nostro soffrire e morire”. La benedizione divina si chiude con “l’accenno allo Spirito Santo che è stato effuso nei nostri cuori”. “La redenzione – ha spiegato il Santo Padre - non è ancora conclusa, ma avrà il suo pieno compimento quando coloro che Dio si è acquistato saranno totalmente salvati”. Tutti noi “siamo in cammino verso la redenzione". "E lo Spirito Santo è la certezza che Dio porterà a compimento il suo disegno di salvezza quando ricondurrà a Cristo tutte le cose, quelle nei cieli e quelle sulla terra”. In realtà, “il cammino della redenzione è un cammino anche nostro perché Dio vuole creature libere” di andare sulla “strada aperta da Lui”. La visione che ci presenta san Paolo, ha sottolineato Benedetto XVI, “in questa grande preghiera di benedizione ci ha condotto a contemplare l’azione delle tre Persone della Santissima Trinità: il Padre, che ci ha scelti prima della creazione del mondo, il Figlio che ci ha redenti mediante il suo sangue e lo Spirito Santo caparra della nostra redenzione e della gloria futura”. Non ha poi mancato di mettere l’accento sulla bellezza del Creatore, che emerge dalle sue creature, come canta San Francesco d’Assisi. Un richiamo particolarmente attuale: “Importante è essere attenti proprio adesso anche nel periodo delle vacanze alla bellezza della creazione e vedere trasparire in questa bellezza il volto di Dio”. “In tutta la storia della salvezza, in cui Dio si è fatto vicino a noi e attende con pazienza i nostri tempi – ha aggiunto -, comprende le nostre infedeltà, incoraggia il nostro impegno e ci guida”. Nella preghiera “impariamo a vedere i segni di questo disegno misericordioso nel cammino della Chiesa, che con la Parola e i sacramenti ci introduce nel mistero di Dio, ci inserisce come membra vive del Corpo di Cristo. Così cresciamo nell’amore di Dio, aprendo la porta affinché la Santissima Trinità venga ad abitare in noi, illumini, riscaldi, guidi la nostra esistenza”. Quando la preghiera alimenta la nostra vita spirituale, ha osservato, diventiamo “capaci di conservare quello che San Paolo chiama ‘il mistero della fede’ in una coscienza pura”: “La preghiera, come modo dell’abituarsi ad essere insieme con Dio, genera uomini e donne animati non dall’egoismo, dal desiderio di possedere, dalla sete di potere, ma dalla gratuità, dal desiderio di amare, dalla sete di servire, animati cioè da Dio; e solo così si può portare luce nel buio del mondo”.

SIR, Radio Vaticana

L’UDIENZA GENERALE - il testo integrale della catechesi e dei saluti del Papa

Commenti