Donato a Benedetto XVI il primo veicolo elettrico completamente made in Italy, da lui messa a disposizione della Sala Stampa della Santa Sede

Una nuova macchina elettrica a due posti è stata regalata al Papa, che l'ha poi messa a disposizione, tramite l'Apsa (Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica), della Sala Stampa della Santa Sede. A regalare l'auto, presentata oggi ai giornalisti, è stata l'azienda di Prato NWG. La NWG Zero, di colore bianco, è targata 'SCV 0173', ed è il primo veicolo elettrico completamente made in Italy. La macchina elettrica è stata consegnata oggi dai fondatori dell'azienda toscana, Francesco D'Antini e Antonio Rainone, e dall'amministratore delegato, Massimo Casullo alla presenza di Federico Lombardi e Ciro Benedettini, rispettivamente direttore e vice direttore della Sala Stampa, mons. Luigi Mistò, segretario dell'Apsa. Quest'ultimo ha anche 'benedetto' l'auto durante una breve cerimonia. "La particolare sensibilità che Benedetto XVI mostra a riguardo della difesa e salvaguardia dell'ambiente - ha dichiarato l'amministratore delegato, Massimo Casullo, costituisce, per noi che lavoriamo nel settore della green economy, un motivo di grande incoraggiamento e fonte di ispirazione". Nata a Prato nel 2003, con oltre settemila impianti installati nel paese in tre anni, NWG è tra le più importanti realtà italiane della green economy. La NWG zero a due posti costa 24mila euro (batterie comprese) ed ha un'autonomia a piena carica di 140 chilomentri. Dal gennaio 2012 ne sono stati richiesti già 500 esemplari.

TMNews

Commenti