Il Papa a Loreto. Nel percorso che attraversato tutta la piazza della Madonna per raggiungere il sagrato della Basilica della Santa Casa il tenero abbraccio di Benedetto XVI con sei bambini

Papa Benedetto XVI porge il suo tenero abbraccio a sei bambini scelti tra la folla: lacrime di commozione e tanta gioia a Loreto. Il Pontefice si trovava a bordo della papamobile quando giovedì mattina ha attraversato tutta la centralissima piazza della Madonna per raggiungere il sagrato della Basilica della Santa Casa di Loreto. Si è trattato di un tragitto breve ma intenso, accolto in un clima di sincero raccoglimento da parte di migliaia di fedeli giunti nella città mariana per udire le sue parole. Un percorso inframmezzato da sei soste, tanto piccole quanto significative soprattutto per quei sei bambini e le loro famiglie che in un attimo hanno visto splendere una nuova luce nei loro occhi: sono bastati pochi secondi infatti perché il primo dei bambini scelti tra le file più prossime alle transenne che delimitavano il percorso, fosse alzato al cospetto del Santo Padre per ricevere un grande abbraccio e una carezza di benedizione. Non un pianto né un fremito per la piccola anconetana Federica Lanari di appena nove mesi e mezzo, che è stata la prima a essere portata tra le braccia del Santo Padre dalla mamma Alice Canali, arrivata ieri mattina a Loreto con il gruppo “Fides vita”. Le lacrime di commozione della donna sono valse più di mille parole: Canali infatti, con un grande sorriso, ha dimostrato tutta la felicità di cui una madre può godere alla vista di un evento che interessa il proprio figlio e gode della più alta sacralità. Dopo altri quattro bambini che hanno beneficiato dell’abbraccio del Papa, ripercorrendo lo stesso tragitto sulla papamobile, appena terminato lo svolgimento della funzione religiosa, anche Miriam Zandri, una piccola loretana di appena due anni, ha salutato il pontefice facendo il suo breve e privilegiato ingresso all’interno della papamobile. Prima di essere accarezzata da Papa Benedetto XVI però, la piccola è scoppiata in un tenero pianto, forse impaurita dalla folla o dal gesto improvviso della mamma Raffaella Sbaffo che l’ha porta all’arcivescovo che sedeva accanto al pontefice. Un'esperienza del cui significato la piccola Miriam non è ancora conscia ma tra qualche anno potrà sicuramente ricordare il grande evento come uno dei più toccanti della sua vita.

Silvia Santini, Il Resto del Carlino

Commenti