sabato 10 marzo 2012

Presentato al Papa l'Annuario Pontificio 2012: cattolici crescono in Africa e Asia, calano in Europa e America latina. Aumentano vescovi e seminaristi

E’ stato presentato questa mattina a Papa Benedetto XVI l’Annuario Pontificio 2012, curato da mons. Vittorio Formenti, incaricato dell’Ufficio Centrale di Statistica della Chiesa, dal prof. Enrico Nenna e dagli altri collaboratori. Contestualmente è stato presentato anche l’"Annuarium Statisticum Ecclesiae". Presenti il cardinale segretario di Stato Tarcisio Bertone e mons. Angelo Becciu, sostituto alla Segreteria di Stato per gli Affari Generali. "Il Santo Padre - ha riferito la Sala Stampa della Santa Sede - ha ringraziato per l'omaggio, mostrando vivo interesse per i dati illustrati e pregando di esprimere l'attestazione della Sua sentita gratitudine a tutti coloro che hanno collaborato alla nuova edizione dell'Annuario", prossimamente disponibile nelle librerie. I cattolici nel mondo sono circa 1 miliardo 196 milioni, con un aumento di fedeli pari all’1,3% (i dati statistici prendono in esame il periodo dal 2009 al 2010) e una presenza mondiale che rimane stabile attorno al 17,5%. Il primo dato significativo ci dice che diminuiscono nell’America Meridionale (da 28,54 a 28,34 per cento) e soprattutto in Europa (da 24,05 a 23,83 per cento) e aumentano nell’Africa (da 15,15 a 15,55 per cento) e nell’Asia Sud Orientale (da 10,41 a10,87 per cento).Crescono i vescovi (da 5.065 a 5.104), in particolare in Africa (+16 nuovi vescovi), America (+15) e Asia (+12), mentre una lieve flessione si è manifestata in Europa (da 1.607 a 1.606) e in Oceania (da 132 a 129). Prosegue anche la tendenza alla crescita del numero dei sacerdoti, che ha avuto inizio dal 2000: si parla di oltre 412 mila sacerdoti (277.009 diocesani, 135.227 religiosi) con un incremento di 1.643 unità. L’aumento riguarda l’Asia (con +1.695 sacerdoti), l’Africa (con +761), l’Oceania (con +52) e l’America (con +40 unità), mentre si registra un netto calo in Europa (-905 sacerdoti). Continua a crescere (+3,7%) il numero dei diaconi permanenti, sia diocesani sia religiosi, passando da 38.155 a 39.564. I diaconi permanenti sono presenti soprattutto in America del Nord e in Europa con una quota relativa al totale mondiale rispettivamente del 64,3% e di 33,2%.Tornano a crescere i religiosi professi non sacerdoti: nel 2009 erano 54.229, nel 2010 hanno raggiunto il numero di 54.665. In netto calo in America del Sud (3,5%) e in America del Nord (0,9%), sono stazionari in Europa; i religiosi professi aumentano in Asia (+4,1%), dove accrescono la propria quota sul totale mondiale, e in Africa (+3,1%).Diminuiscono in modo consistente le religiose professe passando da 729.371 a 721.935. Il calo ha riguardato tre continenti (Europa, America e Oceania), con variazioni negative anche di rilievo (-2,9% in Europa, -2,6% in Oceania e -1,6% in America). In Africa e in Asia, invece, l’incremento è stato decisamente significativo, attorno al 2% per entrambi i continenti. In costante crescita nell’ultimo quinquennio (+4%) il numero degli studenti di filosofia o di teologia nei seminari diocesani o religiosi: passano dalle 114.439 unità del 2005 alle 118.990 del 2010. In diminuzione in Europa (-10,4%) e in America (-1,1%), i seminaristi maggiori aumentano in Africa (+14,2%), in Asia (+13,0%) e in Oceania (+12,3%). Nel 2011 sono state erette dal Papa 8 nuove sedi vescovili, 1 Ordinariato Personale e 1 Ordinariato Militare; sono state elevate: 1 arcidiocesi e 8 diocesi a sedi metropolitane, 1 prelatura, 1 vicariato apostolico e 1 Prefettura Apostolica a diocesi, 1 Missione "sui iuris" a Prefettura Apostolica. Il complesso lavoro di stampa di entrambi i volumi è stato curato da don Sergio Pellini, da Antonio Maggiotto e Giuseppe Canesso, rispettivamente direttore generale, direttore commerciale e direttore tecnico della Tipografia Vaticana.

Radio Vaticana

PRESENTAZIONE DELL’ANNUARIO PONTIFICIO 2012

Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001