sabato 15 dicembre 2012

Cardinali e vescovi della Congregazione delle Cause dei Santi approvano all'unanimità le virtù eroiche di Paolo VI. A breve la firma di Benedetto XVI al decreto, a conclusione dell'Anno della fede la Beatificazione

Dopo i teologi, anche i cardinali e vescovi della Congregazione delle Cause dei Santi hanno dato il loro via libera alla Beatificazione di Paolo VI (nella foto con l'allora card. Ratzinger), il Papa che ha portato a termine il Concilio Ecumenico Vaticano II e che ha guidato la Chiesa negli anni difficili del post-Concilio. La riunione della consulta, preannunciata da Vatican Insider lo scorso ottobre si è tenuta il 10 dicembre presso la sede della Congregazione. L’esito della votazione è stato positivo, apprende Vatican Insider. Tutti i presenti, all’unanimità, hanno approvato la 'Positio', cioè il la documentazione del processo, esprimendosi favorevolmente sull’"eroicità delle virtù" di Giovanni Battista Montini, eletto Papa con il nome di Paolo VI nel 1963 e morto nel 1978. Anche la precedente riunione dei teologi aveva avuto esito unanimemente positivo. Due sono ora gli atti che mancano prima di conoscere la data della beatificazione. La promulgazione del decreto sull’eroicità delle virtù, che spetta al Papa e che si prevede per il prossimo 20 dicembre, quando il card. Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, andrà in udienza dal Pontefice per sottoporgli i decreti riguardanti i processi. Il "sì" di Benedetto XVI è considerato più che probabile e quasi scontato, dopo le votazioni unanimi dei teologi e dei cardinali, e in assenza di diatribe storiche come avvenne nel caso di Pio XII, per il quale invece il Papa si volle prendere tempo per decidere. Dopo il decreto papale, Paolo VI riceverà il titolo di "venerabile" e il processo di potrà considerare chiuso. Il secondo atto necessario in vista della Beatificazione è il riconoscimento di un miracolo, una guarigione miracolosa attribuibile a Paolo VI e avvenuta dopo la sua morte. Nel caso di Paolo VI, il postulatore della causa, padre Antonio Marrazzo, ha già scelto, tra le segnalazioni ricevute, un caso di guarigione che sarebbe risultato "inspiegabile" ai primi esami. Il presunto miracolo riguarda la guarigione di un bambino non ancora nato, avvenuta sedici anni fa in California. Durante la gravidanza, i medici avevano riscontrato un grave problema nel feto e a motivo delle conseguenze cerebrali che intervengono in questi casi avevano suggerito come unico possibile rimedio alla giovane mamma quello dell’aborto. La donna aveva voluto portare a termine la gravidanza e si era affidata all’intercessione di Paolo VI, il Papa che nel 1968 scrisse l’Enciclica "Humanae vitae". Il bambino è nato senza problemi: si è atteso che raggiungesse i quindici anni d’età per constatare l’assenza di conseguenze e la perfetta guarigione. Ma c’è anche una seconda guarigione inspiegabile, della quale è protagonista una suora affetta da un tumore, che potrebbe essere presentata alla Congregazione vaticana. La volontà di Benedetto XVI è di procedere speditamente. La Beatificazione si prevede avvenga a conclusione dell’Anno della fede. Nel 2013 ricorreranno il cinquantesimo anniversario dell’elezione di Papa Montini, e il trentacinquesimo della morte.

Andrea Tornielli, Vatican Insider
Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001