Sabato il presidente del Consiglio Mario Monti sarà ricevuto in udienza da Benedetto XVI. Il cordiale rapporto tra le due sponde del Tevere

Sabato 14 gennaio il presidente del Consiglio Mario Monti (foto) sarà ricevuto in udienza da Papa Benedetto XVI. E' quanto ha confermato la Sala Stampa della Santa Sede. Che i rapporti siano cordiali lo si è capito quando, a pochi giorni dall'insediamento, il presidente Monti andò a salutare Benedetto XVI in partenza per il Benin, il 18 novembre, all'aeroporto di Fiumicino. Sarà che entrambi sono 'professori', sarà che Monti è entrato a Palazzo Chigi dopo un crescente disagio nei confronti del suo predecessore Berlusconi nel Palazzo Apostolico, quell'incontro "cordiale" è stato registrato con soddisfazione in Vaticano. Tanto che L'Osservatore Romano raccontò il dettaglio che "dopo una calorosa stretta di mano, i due hanno camminato fianco a fianco conversando cordialmente e familiarmente per circa tre minuti lungo il tragitto fino ai piedi dell'aereo". A preparare la prima udienza ufficiale che Benedetto XVI concederà a Monti sono molti contatti, più o meno formali, intercorsi in queste settimane tra il Governo e la Santa Sede. Non solo le telefonate personali tra Monti e il Papa al momento della nascita del Governo. Non solo la visita, lo scorso 1° gennaio, che il premier ha fatto al presepe di Piazza San Pietro e alla tomba di Wojtyla nella Basilica, accompagnato dai famigliari ed accolgo da due maggiorenti vaticani, il segretario e il presidente del Governatorato, mons. Sciacca e il futuro cardinale Bertello. E non solo l'incontro cordiale tra il Papa e la guardasigilli Paola Severino quando Papa Ratzinger ha visitato il carcere di Rebibbia, "il nostro Governo", ha detto in quell'occasione il Pontefice. Più in generale, nell'esecutivo, come è noto, sono presenti personalità che provengono dal mondo cattolico, come i ministri Andrea Riccardi, Lorenzo Ornaghi o Renato Balduzzi, o che comunque con la CEI e il Vaticano intrattengono cordiali rapporti. E i contatti tra maggiorenti ecclesiastici e ministri non sono mancati. Molti i punti di possibile intesa tra Palazzo Chigi e il Palazzo Apostolico. I due ministri degli Esteri, Giulio Terzi e il Segretario per i Rapporti con gli Stati della Santa Sede, mons. Dominique Mamberti, hanno già avuto prima di Natale due cordiali incontri all'ambasciata italiana presso la Santa Sede e a due passi dal Vaticano. "La promozione dei diritti umani continuerà a essere la stella polare del governo come ho accennato pochi minuti fa con mons. Mamberti - ha detto in quell'occasione Terzi - in particolare per quanto riguarda l'abolizione della pena di morte, i diritti delle minoranze, la libertà religiosa, la lotta contro le mutilazioni ai genitali femminili e contro la piaga dei bambini soldato". Un approccio in linea con la posizione della Santa Sede, espressa anche oggi dal Papa nel tradizionale saluto al corpo diplomatico presso la Santa Sede. Quando è scoppiata la polemica sulle esenzioni Ici agli immobili della Chiesa in connessione con i sacrifici chiesti agli italiani dal decreto 'salva-Italia', tanto il card. Tarcisio Bertone, Segretario di Stato vaticano, quanto il presidente della CEI, il card. Angelo Bagnasco, hanno respinto gli attacchi pretestuosi, ma hanno assicurato la disponibilità della Chiesa sia a "valutare la chiarezza delle formule normative vigenti", sia a perseguire eventuali elusioni. Oggi il Corriere della Sera riferisce che sarebbe vicino un accordo tra Chiesa e Stato per risolvere la controversia. Dalla CEI e dal Vaticano non filtra alcun commento, ma di certo gli 'sherpa' del Governo italiano e della Segreteria di Stato sono al lavoro perché si arrivi all'udienza di Monti dal Papa senza increspare la cordialità tra le due sponde del Tevere.

Ansa, TMNews

Commenti