mercoledì 18 aprile 2012

Commissione 'Ecclesia Dei': arrivata la risposta di mons. Fellay, sarà esaminata dal dicastero e quindi dal Papa. Lombardi: passi avanti incoraggianti

''In data 17 aprile 2012 è pervenuto, come richiesto nell'incontro del 16 marzo 2012, svoltosi presso la sede della Congregazione per la Dottrina della Fede, il testo della risposta di S.E. mons. Bernard Fellay, Superiore Generale della Fraternità Sacerdotale San Pio X. Il suddetto testo sarà esaminato dal dicastero e successivamente sottoposto al giudizio del Santo Padre''. Lo rende noto la Pontificia Commissione "Ecclesia Dei", in un comunicato pubblicato questa mattina dalla Sala Stampa della Santa Sede. Con la risposta giunta ieri a Roma i lefebvriani hanno compiuto "passi avanti incoraggianti", secondo il portavoce vaticano padre Federico Lombardi. "Chi l'ha letta ritiene che sia una risposta sensibilmente diversa da quella che non era stata ritenuta sufficiente", ha detto il gesuita in una breve dichiarazione alla stampa. I lefebvriani, peraltro, hanno formulato, nella loro risposta, "richieste di integrazioni e precisazioni" al 'preambolo dottrinale' sul quale la Santa Sede ha chiesto l'adesione per il loro pieno reintegro nella Chiesa Cattolica, e questo richiede un lavoro di "approfondimento e esame" da parte della Congregazione per la Dottrina della fede, che prenderà "qualche settimana di tempo". Non pubblicato sinora, il 'preambolo dottrinale' dovrebbe essere pubblicata in futuro. "Ritengo che verrà pubblicato il testo dell'accordo - ha detto Lombardi rispondendo alle domande dei giornalisti - e non la prima forma provvisoria". "Quello inviato - ha detto ancora il portavoce vaticano - era un testo di contatto e approfondimento. E' normale che resti riservato se si operano ulteriori approfondimenti e precisazioni. Quando sarà raggiunto un accordo, immagino che il testo sarà pubblicato".

Asca, TMNews, Agi

COMUNICATO DELLA PONTIFICIA COMMISSIONE "ECCLESIA DEI"
Il blog La Vigna del Signore non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001