La morte del card. Fortunato Baldelli. Telegramma di cordoglio del Papa: esemplare testimonianza di vita cristiana e sacerdotale


Si è spento ieri sera, all’età di 77 anni, il card. Fortunato Baldelli (foto), penitenziere maggiore emerito dal gennaio di quest’anno. Benedetto XVI, in un telegramma ai familiari, ne ricorda “l’esemplare testimonianza di vita cristiana e sacerdotale” e “il solerte e fedele servizio prestato alla Santa Sede, specie in “varie rappresentanze diplomatiche”, che gli hanno guadagnato ovunque “apprezzamento” per il suo “zelo apostolico e la fedeltà al Vangelo”. In conclusione il Pontefice innalza "preghiere di suffragio affinchè, per intercessione della Vergine Santa e di San Francesco, il Signore accolga la sua anima eletta nel regno eterno della luce e della pace". Il 2 giugno 2009, Benedetto XVI lo ha nominato penitenziere maggiore e quindi lo ha creato e pubblicato cardinale nel Concistoro del 20 novembre 2010, della Diaconia di Sant’Anselmo all’Aventino. Le esequie del porporato saranno celebrate domani alle 18.00 all'Altare della Cattedra nella Basilica di San Pietro, presiedute dal cardinale decano Angelo Sodano. Con la morte del card. Baldelli il Collegio cardinalizio è ora composto da 205 cardinali, di cui 117 elettori ed 88 non elettori.

Radio Vaticana 

TELEGRAMMA DI CORDOGLIO DEL SANTO PADRE PER LA SCOMPARSA DEL CARD. FORTUNATO BALDELLI

Commenti